Ricerca avanzata
Home Le Collane fuori collana 9788846759405
Libro cartaceo
€ 15,00

Roberto Berrugi. ITERUM. Una seconda volta


A cura di: Alessandro Schiavetti
Con un saggio di: Alessandro Schiavetti , Chiara Tarantino

Collana: fuori collana

Pagine: 48
Formato: cm.21x24
Anno: 2020
ISBN: 9788846759405

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Galleria fotografica
  • Link correlati

Sono oltre cinquanta le opere esposte, realizzate dal 2012 ad oggi, all’interno della mostra ‘ITERUM – Una seconda volta’, e descrivono in un percorso creativo disseminato di forme futuristiche e innovative, il mondo che Berrugi disegna, grazie alla sua capacità di dialogare col metallo, scaldandolo e modellandolo con armonia e saldando fra loro il pesante e desueto materiale di vecchi e inutilizzabili componenti automobilistici. All’interno del catalogo una selezione di opere racconta l’universo-Berrugi, analizzato attentamente dal curatore Alessandro Schiavetti e con un testo di approfondimento dell’archeologa Chiara Tarantino.


La mostra raccontata nel catalogo, si articola in un percorso suggestivo che trasforma, pezzo dopo pezzo, l’ideale di staticità e il concetto di obsoleto in un verace e mai banale sistema di nuove fusioni e forme, leggiadro e a tratti ironico. Le forme definite e originali degli automi mitologici messi in parallelo con i personaggi dell’antichità, e delle altre sculture fuoriescono come da una stratigrafia archeologica futura; sfociano in una sinuosa ed erotica installazione di astratti realizzati con vecchi radiatori che in maniera raffinata, raccontano come piegati dal vento, nuvole increspate di un cielo in tempesta e vele rapide e alte di una futura epopea metallica. L’installazione degli astratti, apre le porte alle opere dedicate alla mitologia, motore portante della mostra, dove Berrugi, identificato come metaforicamente come Efesto nel mentre produce le armi per gli eroi dell’antichità, racconta di automi e robot ispirati alle grandi figure del passato mitologico, come Ettore, Achille, Pelope ed Enomao, o come i tre Kouroi acefali.


Il tutto passando poi per l’incredibile ventaglio del mondo dedicato al suono e alla musica con futuristici strumenti musicali dalle linee iperrealiste, a tratti incredibilmente pop, in un continuo divenire nel fondersi di originalità e di bello estetico. Un maestro della metal-art che riesce a rendere leggero il pesante e che porta avanti con serietà il concetto del riutilizzo artistico dei materiali di scarto, con particolare attenzione al contenimento dello spreco e all’ambiente. 


 


Alessandro Schiavetti, Presidente di ACS Art Center, è curatore d’arte, archeologo medievista e critico. E’ stato per sette anni Direttore della Fondazione italo-svizzera Hermann Geiger, con la quale ha ideato e curato numerose mostre collaborando con realtà come National Geographic Society, Vogue US, e numerosi musei di tutto il mondo. Ha curato mostre incentrate su personaggi come Jean Tinguely e Hermann Hesse e su numerosi artisti contemporanei di fama internazionale. E’ stato per cinque anni Presidente di Aruspicina, ha lavorato a lungo con la storica Casa Editrice Salomone Belforte & C., e collabora con il Centro Documentazione Amedeo Modigliani in qualità di curatore. Scrive su svariate riviste di settore e ha pubblicato circa trenta cataloghi. E’inoltre Direttore Artistico da dieci anni del Festival della Costa Etrusca #Raccontandoci, evento dedicato da letteratura, spettacolo e arte.


 


Fotografie in catalogo: ©SchPhoto