Ricerca avanzata
Home Le Collane Letteratura italiana (25) 978846737922
Libro cartaceo
€ 23,00 € 19,55
Sconto -15 %

Lettere e carri armati

Quattro scrittori, «Il Contemporaneo», il 1956

Autore/i: Sandro de Nobile

Collana: Letteratura italiana (25)

Pagine: 224
Formato: cm.14x22
Anno: 2013
ISBN: 978846737922

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Il 1956: un anno di sommovimenti capitali nella storia del secolo scorso, con la repressione sovietica, di cui i carri armati su Budapest rappresentano il simbolo più esplicito, a seguire a ruota una distensione kruscioviana troppo breve per dare frutti duraturi.
«Il Contemporaneo»: la rivista “ufficiale” della cultura marxista italiana, fucina della vita intellettuale del nostro paese, sotto l’egida del deus ex machina Carlo Salinari, custode di una pretesa ortodossia di ispirazione materialista, gramsciana e realista.
Quattro autori: Pratolini, Pasolini, Cassola e Calvino, impegnati in questi anni in percorsi fondamentali per la loro storia di scrittori e di uomini, portatori di divisione quando non di aperta opposizione all’interno del proprio stesso campo ideologico.
All’incrocio di queste strade, tra storia, cultura e letteratura, si pone il presente volume, costruito nella convinzione che i territori dell’ideologia non possano essere tralasciati nell’analisi dei fatti letterari del Novecento, secolo attraverso il quale si dipana più che in qualsiasi altra era la tela di una relazione estremamente complessa tra arte e politica, con la prima fortemente tentata da un “impegno” diventato quasi fisiologico, ma sempre bisognosa di una propria autonomia, e la seconda a richiedere incessantemente agli intellettuali la presa e la tenuta di una “posizione” che trattenga l’atto creativo
nei binari di un’eteronomia.

Sandro de Nobile è Dottore di Ricerca presso l’Università “G. d’Annunzio” di Chieti. Attualmente svolge l’attività di docente presso la Scuola Secondaria. Ha al suo attivo numerosi saggi di letteratura italiana contemporanea e letterature comparate apparsi su volumi e riviste. I suoi studi vertono principalmente su autori ascrivibili alla temperie neorealista (Cassola, Calvino), ma non mancano di toccare anche altri territori, dalla Neoavanguardia alla poesia di Sereni, Quasimodo, Risi, sino alla letteratura degli esuli istriano-fiumano-dalmati.