Ricerca avanzata
Home Novità 9788846757814
Libro cartaceo
€ 22,00 € 20,90
Sconto -5 %

Heorté-novità in arrivo

Azioni sacre sulla scena tragica euripidea

Autore/i: Andrea Taddei

Collana: Anthropoi. Studi e materiali di Antropologia storica del mondo antico (15)

Pagine: 228
Formato: cm.15,5x22,5
Anno: 2020
ISBN: 9788846757814

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Galleria fotografica

Questo lavoro è dedicato all’intreccio tra azioni rituali e alcune tragedie euripidee. Più in particolare, l’oggetto delle ricerche che compongono il volume riguarda i modi, le forme e le finalità dell’evocazione, entro la rappresentazione tragica, di una festa (una heortè) o di una sequenza
specifica di azioni sacre. All’interno delle tragedie, heortai e complessi rituali coerenti divengono oggetto di un’allusione indiretta, costruita attraverso la mediazione della voce corale e fondata sulla sollecitazione delle competenze rituali di ciascun cittadino, che partecipa in forme collettive alla dimensione religiosa, nel quadro di molteplici occasioni nel corso dell’anno. Si tratta di occasioni strutturate intorno a un ritmo irregolarmente cadenzato, ma caratterizzato da elementi di coerenza che trovano espressione, per gli Ateniesi, nel calendario che
aveva inizio con il mese estivo di Ecatombeone. Ciascuno dei casi esaminati consente di osservare un aspetto specifico di una questione più generale, vale a dire l’esistenza di un codice comunicativo in grado di arricchire, ed in un certo senso potenziare, la dialettica esistente tra dimensione autoriale e ricezione degli spettatori. Fondamento comune di questo codice è la competenza rituale dei cittadini, da questi ultimi progressivamente assimilata con l’esperienza della cadenza, costante e irregolare, dei calendari festivi politici.


Andrea Taddei è Professore associato di Lingua e letteratura greca presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura, Linguistica dell’Università di Pisa, dove insegna Lingua e letteratura greca nel corso di laurea in Lettere, Antropologia del Mondo Antico e Didattica del greco nel corso di laurea magistrale in Filologia e Storia dell’Antichità. È membro del collegio dottorale in Scienze dell’Antichità e Archeologia (Università di Pisa, Siena, Firenze) e segretario scientifico del Laboratorio di Antropologia del Mondo Antico (lama.fileli.unipi.it). È Membre associé del Centre ANHIMA (Anthropologie et Histoire des mondes antiques) della École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, e del Laboratoire d’excellence HaStec (Histoire et anthropologie des savoirs, des techniques et des croyances) di Parigi. Si occupa degli intrecci tra religione, diritto e letteratura in Grecia antica. Tra le sue pubblicazioni: L. Gernet, Diritto e civiltà in Grecia antica, a cura di A. Taddei, Premessa di R. Di Donato (Milano 2000); Louis Gernet e le tecniche del diritto ateniese (Pisa 2002); Polivalenze epiche, a cura di A. Taddei e L. Marrucci (Pisa 2007), Testi e contesti. Per una didattica del greco nei nuovi licei (Pisa 2011). Ha curato l’edizione commentata della orazione Contro Leocrate di Licurgo (Milano 2012, 20142). Tra le sue pubblicazioni più recenti: Quelques aspects du symbolisme judiciaire en Grèce ancienne, in Relire Jean-Pierre Vernant, a cura di S. Georgoudi, Fr. De Polignac (Paris 2018); Buona fine e buon principio: le Scire nelle Ekklesiazousai di Aristofane, in Età del mondo, età dell’uomo, a cura di E. Berardi e M. Manca (Alessandria 2019); Hierà kai Hosia. Antropologia storica e letteratura greca. Studi per Riccardo Di Donato, a cura di A. Taddei (Pisa 2020).