Ricerca avanzata
Home Le Collane Obliqui (85) 9788846756978
Libro cartaceo
€ 19,00 € 16,15
Sconto -15 %

Alfabeto Teatrale

Per una pedagogia della sensibilitą

Autore/i: Fabrizio Cassanelli , Guido Castiglia

Collana: Obliqui (85)

Pagine: 212
Formato: cm.14x21
Anno: 2020
ISBN: 9788846756978

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Galleria fotografica

Un  alfabeto di parole chiave per promuovere attraverso il laboratorio teatrale una pedagogia della sensibilità e per riconoscere che quel gioco che chiamiamo teatro potrebbe essere forse l’ultima forma di comunicazione in grado di opporre l’azione al torpore, e la riflessione all’esibizione, offrendo la possibilità alle persone di rendere concreta la realizzazione della loro immaginazione. La formazione al teatro attraverso il laboratorio si definisce come spazio privilegiato di allenamento alla sensibilità, attraverso la mediazione di un lessico che spinge alla riflessione sui sentimenti e sulla sincerità con cui la persona si rappresenta sulla scena. Lo scopo del libro è divulgare l’idea che nel fare teatro i corpi e le menti delle persone si fondono interamente coinvolgendo la dimensione della sensibilità corporea.


Fabrizio Cassanelli Formatosi all’Accademia di Arte Drammatica e alla scuola di Jacques Lecoq a Parigi oltre ad essere regista, attore, formatore è tra gli iniziatori del teatro per l’infanzia italiano. Ha collaborato con prestigiose Università italiane progettando peculiari metodiche di lavoro tra pedagogia e teatro. Il suo impegno è attualmente rivolto alla divulgazione del teatro educativo nella scuola e alla produzione di spettacoli d’impegno civile per le nuove generazioni.

Guido Castiglia Attore e regista, esordisce nel 1977 con il Teatro dell’Angolo. Nel 1980 entra a far parte della Compagnia Granbadò e nel 1993 fonda Nonsoloteatro, una struttura di produzione teatrale rivolta all’infanzia e all’adolescenza. Firma i testi e le regie degli spettacoli prodotti da Nonsoloteatro, che dal 1993 ad oggi continuano ad essere distribuiti in Italia e all’estero. Applica metodicamente l’esperienza drammaturgica in quel “terreno culturale” che trova la sua collocazione tra scuola e teatro; realizza progetti di didattica teatrale in tutta Italia.