Ricerca avanzata
Home Le Collane MOD La modernita' letteraria (59) 9788846744609
Libro cartaceo
€ 26,00 € 22,10
Sconto -15 %

Genesi e storia della ''trilogia'' di Andrea Zanzotto

Autore/i: Francesco Venturi

Collana: MOD La modernita' letteraria (59)

Pagine: 265
Formato: cm.15,5x22,5
Anno: 2016
ISBN: 9788846744609

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Recensioni

Composta dal Galateo in Bosco (’78), Fosfeni (’83), e Idioma (’86), la «trilogia» o «pseudo-trilogia» di Andrea Zanzotto si apre a una pluralità di linguaggi e stili e prospetta vertiginosi incroci spaziotemporali in un progetto ardito che mira all’esplorazione del cosmo e del caos. All’immersione ctonia nella selva del Montello, luogo eletto da Giovanni Della Casa per la scrittura del Galateo e insanguinato dagli orrori della grande guerra, segue il movimento ascensionale verso le vette dolomitiche e le altezze siderali di Fosfeni, sino all’approdo al paesaggio familiare di Pieve di Soligo in Idioma. La disamina delle carte autografe di Zanzotto, custodite presso il Centro Manoscritti dell’Università di Pavia, permette di addentrarsi nel laboratorio del poeta e ricostruire la gestazione e la storia del trittico con grande ricchezza di dati. Ne emerge un cantiere di estrema complessità, mobile e in larga parte unitario, sottoposto nell’arco di un decennio a molteplici ripensamenti, smembramenti, e sovvertimenti strutturali. L’analisi di abbozzi manoscritti, frammenti inediti, e piani di lavoro offre illuminanti prospettive critiche sul significato profondo dei testi e delle raccolte, disvelando gli intricati percorsi genetici dell’impresa poetica più ambiziosa di Zanzotto.


Francesco Venturi svolge attualmente attività di ricerca e didattica alla Durham University (UK). Dopo la laurea in Filologia moderna a Pavia, ha conseguito il dottorato in Italianistica all’Università di Siena nel 2012 con l’edizione critica e commentata delle Rime di Annibal Caro (di prossima pubblicazione presso Mimesis). A Pavia è stato assegnista di ricerca nell’ambito del progetto PRIN sui manoscritti di Gadda e del progetto FIRB sugli archivi letterari del Novecento. Si è occupato di letteratura rinascimentale, di vari autori otto-novecenteschi, e in particolare di Andrea Zanzotto, di cui per primo ha inventariato e studiato le carte autografe.