Ricerca avanzata
Home Le Collane Progetti linguistici (19) 9788846722362
Libro cartaceo
€ 15,00 € 12,75
Sconto -15 %

Il sistema verbale del sardo moderno: tra conservazione e innovazione

Autore/i: Simone Pisano

Collana: Progetti linguistici (19)

Pagine: 154
Formato: cm.17x24
Anno: 2016
ISBN: 9788846722362

Stato: Disponibile
  • Descrizione

La minuziosa analisi delle forme verbali di numerose varietà sarde, oltre a fornire
una documentazione inedita sulla complessità dello spazio linguistico della Sardegna,
ci obbliga a ridiscutere l’idea di un sardo monolitico e arcaico o, anche, diviso
tra dialetti “conservativi” e dialetti “innovanti”. In realtà, per chi tenti di esaminare
i dati senza preconcetti, la netta separazione di ciò che è senz’altro innovativo da
quello che, invece, può essere definito “arcaico” risulta particolarmente ardua. I
modelli innovanti possono essere recepiti e interiorizzati anche in territori impervi
considerati erroneamente quasi impermeabili a qualunque innovazione. La molteplicità
di soluzioni, l’accentuato polimorfismo, la singolarità di alcuni fenomeni di
conservazione diventano spesso strumenti inconsapevoli con i quali i parlanti marcano
l’identità comunitaria e stabiliscono confini tra comunità differenti.
Oltre a ricostruire in diacronia la genesi delle forme verbali attestate nelle generazioni
presenti (raccolte sul campo e frutto di anni di inchieste), il volume offre al
lettore un’ulteriore, inconsueta, chiave interpretativa delle complesse dinamiche
storico-linguistiche che hanno caratterizzato (e che in parte, ancora, caratterizzano)
la Sardegna.

Simone Pisano si è laureato in Glottologia e ha conseguito il Dottorato in Linguistica
Generale e Storica presso l’Università di Pisa. È stato docente a contratto di Glottologia
presso l’Università di Sassari, di Filologia Romanza presso le Università di Pisa
e Sassari e di Lessicografia italiana presso l’Università di Pisa. Attualmente è ricercatore
presso l’Università “Guglielmo Marconi” di Roma (dove insegna Linguistica
Applicata e Fonetica e Fonologia). Lavora prevalentemente sulle varietà sarde antiche
e moderne e da circa un decennio è impegnato, attraverso il lavoro sul campo,
nella descrizione della morfologia verbale del sardo contemporaneo. Più recentemente
si è anche occupato di isole linguistiche galloitaliche della Toscana e di varietà
galloromanze. Si interessa di lessicografia, collabora alla redazione del LEI (Lessico
Etimologico Italiano) ed è revisore per il sardo nel quadro del progetto franco-tedesco
DÉRom (Dictionnaire Étymologique Roman). È autore di numerosi contributi
apparsi su riviste e a convegni nazionali e internazionali.