Ricerca avanzata
Home Le Collane Biblioteca di Studi Ispanici (17) 978-884672131-0
Libro cartaceo
€ 16,00 € 13,60
Sconto -15 %

Nulla dies sine linea

Letteratura e iconografia in Quevedo

Autore/i: Beatrice Garzelli
Introduzione di: Alessandro Martinengo

Collana: Biblioteca di Studi Ispanici (17)

Pagine: 204, ill.
Formato: cm.17x24
Anno: 2008
ISBN: 978-884672131-0

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Galleria fotografica
  • Recensioni
  • Link correlati

Nulla dies sine linea � il celebre detto attribuito ad Apelle, come risposta alle domande rivoltegli dai suoi discepoli sui segreti dell�esercizio della sua arte pittorica. In senso pi� ampio richiama l�intreccio fra l�iconografia e la letteratura, rapporto implicante un fitto scambio, e ricambio, fra le rispettive tecniche creative che ritroviamo come segno inequivocabile nell�opera barocca di Francisco de Quevedo.
Attraverso lo studio di un piccolo corpus di trattati cinque-seicenteschi sulle arti figurative, il libro offre l�opportunit� di mettere in relazione alcuni topici contenuti nei trattati � in special modo l�emulazione-sfida tra artefice e poeta, il living portrait, l�imitazione perfetta della natura � con una parte della produzione quevediana, espressione del connubio tra pluma e pincel. Passando in rassegna la prosa di Quevedo (con particolare attenzione al Busc�n e ai Sue�os) e tutta la sua poesia sar� dunque possibile delineare una prospettiva di lettura che, complice dei rimandi diretti e indiretti al mondo delle arti figurative, avr� come fulcro il motivo del ritratto, inteso dalle pi� diverse sfaccettature. Un approccio interpretativo grazie al quale risulter� inscindibile l�invenzione verbale dalla rappresentazione visiva.