Ricerca avanzata
Home Le Collane Testi e studi di cultura classica (61) 9788846738141
Libro cartaceo
€ 18,00 € 15,30
Sconto -15 %

De Gestis Herwardi

Le gesta di Ervardo


A cura di: Alberto Meneghetti

Collana: Testi e studi di cultura classica (61)

Pagine: 184
Formato: cm.17x24
Anno: 2013
ISBN: 9788846738141

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Il De Gestis Herwardi (inizio XII secolo), di cui si offre un’aggiornata edizione e la prima traduzione italiana, può essere annoverato tra le più straordinarie saghe del Medioevo. La biografia di Ervardo (noto come Hereward the Wake), infatti, intreccia le vicende storiche degli Anglosassoni all’indomani delle battaglia di Hastings (1066) con il complesso immaginario mitico dell’Inghilterra medioevale. L’eroe si pone come il simbolo del riscatto anglosassone contro Guglielmo il Conquistatore, ma la sua vicenda storica, nelle pagine del De Gestis, si fonde con svariate tradizioni leggendarie, a creare un originale compendio della letteratura medievale. Si va dal romanzo cavalleresco all’epos, dalla saga nordica alla cronaca monastica, dalla fiaba al racconto folklorico. Si possono riscontrare legami sia con le avventure di Tristano, sia con il “Matter of England”, ma in particolare la storia dell’eroe pare essere la prima testimonianza del cosiddetto “Ciclo della foresta” che confluirà in seguito nel mito di Robin Hood.
L’opera nella sua prima parte narra l’esilio del protagonista voluto dal padre, i suoi viaggi in Northumbria, Cornovaglia, Irlanda e Fiandre secondo un canovaccio epico-romanzesco che s’inserisce palesemente nel solco della tradizione iniziatica dell’eroe germanico. Dopo tali prove Ervardo torna in un’Inghilterra ormai soggiogata dai Normanni e qui trova il fratello assassinato crudelmente e le proprietà di famiglia saccheggiate. Per quest’oltraggio, secondo la cronaca, si metterà a capo della resistenza di Ely contro re Guglielmo, tracciando il solco mitologico del bandito della foresta che lotta per la propria terra.

Alberto Meneghetti (Treviso, 1978) è dottore di ricerca in Filologia e tecniche dell’interpretazione e collabora con l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si occupa di filologia e letteratura medievale, con particolare interesse per la genesi topica e folklorica delle saghe medievali.