Ricerca avanzata
Home Le Collane Testi e studi di cultura classica (57) 9788846736789
Libro cartaceo
€ 42,00 € 35,70
Sconto -15 %

Edipo

Margini Confini Periferie

Autore/i: Aa.Vv.
A cura di: Patrizia Pinotti , Masismo Stella

Collana: Testi e studi di cultura classica (57)

Pagine: 440
Formato: cm.17x24
Anno: 2013
ISBN: 9788846736789

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Margini, confini, periferie dell’edipo: territori estremi, liminali e decentrati del mito di Edipo (riformulato da Sofocle) e del suo complesso (secondo Freud) nella geografia politica e culturale dell’Europa Occidentale tra Otto e Novecento, nonché dei suoi domini ed ex-domini coloniali.
Questo il nodo problematico e lo snodo temporale intorno ai quali il volume è fondamentalmente costruito.

Su suolo europeo, tra Inghilterra (Dickens, Eliot), Francia (Hugo, Gide, Cocteau), Russia e Austria felix (Dostoevskij Freud) – nell'arco temporale che si estende dall’epopea capitalistico-borghese di seconda metà dell'Ottocento fino alle due guerre – vengono analizzate e studiate le forme latenti e dislocate della configurazione edipica, integrando nel percorso alcuni esemplari rovesciamenti e scardinamenti prodotti, durante gli Anni Settanta, dalla cultura della Contestazione (Morante, Testori, Deleuze e Guattari).

Per altro verso, dall'altra parte dell'Oceano e del Mediterraneo, ritornano, dall'America e dall’Africa (tra Faulkner e Rotimi), vere e proprie figurazioni speculari e distorte della stessa vicenda, storie familiari disfunzionali e post-edipiche, come a rammentare quali violente e regressive conseguenze abbia avuto sulle periferie e sui confini del mondo la vocazione civilizzatrice della civiltà borghese alle prese con i propri disagi.

Non manca l'attenzione per il destino dei personaggi non centrali e/o marginalizzati della storia di Edipo: Giocasta, innanzitutto, e i figli-fratelli dell'incesto, recuperati dal grande alveo della tradizione drammaturgica romana e da Seneca in particolare, per proseguire, con significativi affondi in Shakespeare (la Cordelia/Antigone di Re Lear), attraverso sentieri poco noti del teatro tardorinascimentale e secentesco (Manfredi, Pallavicino), fino al postmoderno (Molinaro). Chiude il volume la traduzione di The Gods Are Not To Blame di Ola Rotimi ad opera di Francesca Lamioni.