Ricerca avanzata
Home Le Collane MOD La modernita' letteraria (39) 9788846736390
Libro cartaceo
€ 19,00 € 16,15
Sconto -15 %

Verità e visioni

Poesia, pittura, cinema, politica

Autore/i: Carlo A. Madrignani
A cura di: Alessio Giannanti , Giuseppe Lo Castro
Con un saggio di: Antonio Resta

Collana: MOD La modernita' letteraria (39)

Pagine: 208
Formato: cm.15,5x21,5
Anno: 2013
ISBN: 9788846736390

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Galleria fotografica
  • Recensioni

in occasione del Convegno annuale della Società Italiana per lo Studio della Modernità Letteraria (22-24 giugno 2017), ETS rinnova la consueta offerta


sconto del 25% su tutti i volumi MOD acquistati online fino al 31 agosto 2017


 


Verità e visioni raccoglie saggi su poesia, pittura, cinema e politica, sparsi in riviste, miscellanee e cataloghi. Scritti d''occasione', dunque, esterni agli interessi più immediati dell'autore, che si incentravano in particolare sulla narrativa dell'Ottocento. Vi splende tuttavia la stessa intelligenza delle opere di maggiore impegno, articolata come al solito in un pensiero consequenziale, definito e coerente, benché non sistematico. Montale e Prati, Fortini 'figurativo' e Ingrao poeta, Antonioni e Fellini, Sebastiano Timpanaro e Ivan Della Mea, Antonio Possenti e Milena Moriani sfilano in queste pagine, catturati da un occhio 'curioso' che si interessa a tutto tondo della realtà e delle arti. L'oltranza è insieme fine e strumento di un esercizio critico, che va oltre visioni del mondo tradizionali o espressioni di una cultura dominante, alla ricerca di opere che rivelino aspetti inediti, verità problematiche e scomode. In questa tensione a cogliere il 'nuovo' o il 'diverso' soprattutto di autori 'irregolari' e minoritari si riconosce lo spessore di un 'gusto' affinatosi negli anni, in una misura di eleganza e di verità interpretative. Carlo Alberto Madrignani (Sarzana 1936 – Pisa 2008), allievo di Luigi Russo, ha insegnato Letteratura italiana nelle università di Siena, Pisa e Cagliari; definitivamente dal 1974 come professore ordinario a Pisa. Ha collaborato a riviste di prestigio come «Belfagor», «La rassegna della letteratura italiana», «Quaderni piacentini» e «Problemi», con numerosi articoli e recensioni su autori anche contemporanei. Tra le prime opere più significative, Capuana e il naturalismo (1970) e Illusione e realtà nell'opera di Federico De Roberto (1972). Su De Roberto Madrignani è ritornato con il testo critico dell'Imperio (1981), la riproposta di Spasimo (1989), e l'edizione delle Opere nei Meridiani Mondadori (1983). Autori 'minori' o misconosciuti dell'Ottocento sono valorizzati nei saggi di Ideologia e narrativa dopo l'Unificazione (1974) e nell'antologia del romanzo parlamentare Rosso e nero a Montecitorio (1980). Di rilievo, su questa linea, il rilancio di opere dimenticate o trascurate, come Drammi intimi (1979) di Verga, Il «Re delle bambole» (1980) e Manuel Menendez (1991) di De Amicis, Daniele Cortis (1980) e Leila (1982) di Fogazzaro, Decadenza (1981) di Luigi Gualdo, Il libro di don Chisciotte (1986) di Edoardo Scarfoglio, Tortura (1987) di Capuana, Manoscritto di un prigioniero (2008) di Carlo Bini. Tra gli altri volumi, L'ultimo Cassola. Letteratura e pacifismo (1991), All'origine del romanzo in Italia. Il «celebre» Abate Chiari (2000), che sancisce una 'riscoperta' del romanzo settecentesco, e soprattutto Effetto Sicilia (2007), il risultato più maturo di quaranta anni di riflessione sulla narrativa siciliana. In copertina: Antonio Possenti, "Carlo Alberto quinquaginta aetatis suae", 1986, particolari.