Ricerca avanzata
Home Le Collane Testi e studi di cultura classica (29) 88-467-0974-8
Libro cartaceo
€ 19,00 € 16,15
Sconto -15 %
Cicerone e i suoi interpreti.
Studi sull’Opera e la Fortuna

Cicerone e i suoi interpreti

Studi sull’Opera e la Fortuna

Autore/i: Emanuele Narducci

Collana: Testi e studi di cultura classica (29)

Pagine: 448
Formato: cm.17x24
Anno: 2004
ISBN: 88-467-0974-8

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Il rivivere della grecità nell’arredo statuario delle ville di Cicerone; l’arte persuasiva dell’oratore e le sue strategie per conseguire la vittoria nei processi; l’ideale di un’amicizia sincera in stridente contrasto con gli accorgimenti e le finzioni della vita di società; i diversi tentativi di orientare l’opinione pubblica con la parola e con gli scritti; l’esperienza bruciante di un esilio vissuto come sacrificio in favore dei concittadini; l’approdo alla filosofia come consolazione per la chiusura degli spazi di intervento politico.
In una ricca varietà di prospettive e metodologie critiche, gli ampi studi d’insieme, e i più brevi contributi esegetici, di uno degli interpreti più significativi e originali della civiltà letteraria latina – qui riproposti in una stesura aggiornata e rinnovata, e con l’aggiunta di numerosi capitoli inediti – illuminano da angolature molteplici la personalità poliedrica di Cicerone. La traduzione di tutti i testi latini rende l’opera accessibile anche ai lettori non specialisti.
Una parte consistente del libro è dedicata alla fortuna di Cicerone e dei suoi contemporanei nella successiva tradizione europea: da Leon Battista Alberti e Montaigne, attraverso Hegel, Mommsen e la discussione sul ‘cesarismo’ nella Francia di Napoleone III, le passioni risorgimentali dell’Italia dell’Ottocento, la riflessione politico-sociale che accompagna le due Guerre Mondiali, fino alle nuove prospettive che si delineano nelle interpretazioni più recenti.
La ricostruzione di momenti diversi di un dibattito storiografico estremamente vivace – con risvolti di ‘attualità’ di notevolissimo rilievo – fa emergere numerose sollecitazioni interdisciplinari, e mostra come vicende, problemi, idee e personaggi del mondo antico abbiano spesso inciso in profondità su riflessioni che mettevano in gioco istanze tutt’altro che ‘antiquarie’.