Ricerca avanzata
Home Le Collane Jura. Temi e problemi del diritto (59) 9788846752017
Libro cartaceo
€ 26,00 € 22,10
Sconto -15 %

La de-strutturazione del procedimento amministrativo

Nuove forme adattative tra settori e sistemi

Autore/i: Barbara L. Boschetti

Collana: Jura. Temi e problemi del diritto (59)

Pagine: 272
Formato: cm.17x24
Anno: 2018
ISBN: 9788846752017

Stato: Disponibile
  • Descrizione

L’analisi dei procedimenti amministrativi di settore, ovvero, del diritto di settore dei procedimenti amministrativi, ha restituito l’immagine di un universo procedurale in trasformazione, non decifrabile, almeno non completamente, attraverso le chiavi tradizionali (tra tutte, quelle legate all’esercizio della funzione e al provvedimento). In particolare, si è rivelato inadeguato un approccio di tipo atomistico e indifferente al contesto nel quale i procedimenti amministrativi, e il loro diritto, sono inseriti: il contesto dei sistemi di regolazione e governance contemporanei, con il loro carattere composito e reticolare, quello dell’innovazione tecnologica e dei nuovi scenari dell’informazione e della conoscenza. Proprio in questo più ampio e rinnovato contesto, il legislatore, a partire da quello dell’Unione europea, sembra guardare ai procedimenti amministrativi, rileggendone la dimensione funzionale e, soprattutto, strutturale. Da questa rilettura prendono vita nuove forme procedurali adattative e nuovi percorsi di intelligenza regolatoria che sfruttano, appunto, la dimensione di sistema e di processo. Al racconto e all’analisi di queste trasformazioni sono dedicate le riflessioni contenute in questo volume.


Barbara L. Boschetti è professore associato di diritto amministrativo presso la Facoltà di scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica di Milano dove è titolare, tra gli altri, del corso in Public Law and governance. Ha svolto alcuni periodi di studio e ricerca all’estero (Boston University). Collabora con la Commissione europea in qualità di revisore dei progetti di ricerca finanziati dall’Unione europea. Nel 2017 è stata nominata esperto del Consiglio della Autorità nazionale anticorruzione.