Ricerca avanzata
Home Le Collane āltera. Collana di intercultura di genere (11) 9788846750457
Libro cartaceo
€ 15,00 € 12,75
Sconto -15 %

Performatività della natura

quanto e queer

Autore/i: Karen Barad
A cura di: Elena Bougleux
Traduzione di: Restituta Castiello
Prefazione di: Liana Borghi

Collana: āltera. Collana di intercultura di genere (11)

Pagine: 172
Formato: cm.14x21
Anno: 2017
ISBN: 9788846750457

Stato: Disponibile
  • Descrizione

In anteprima i giorni 8-9-10 dicembre a Firenze al convegno “Fare mondo: poetica del futuro dimenticato”.
In libreria dal 12 gennaio 2018.


A partire dal nuovo materialismo, che studia la complessità dell’incessante materializzazione del mondo e partecipa al cambiamento paradigmatico che sta coinvolgendo ogni ambito di studio e ricerca, Karen Barad discute la necessità di rivedere nozioni di cambiamento, agency, causalità, tempospazio. Sulla scia di Donna Haraway, che l’ha preceduta a UCSC, i suoi strumenti critici uniscono scienze naturali, scienze umane e letteratura, pratiche di ricerca, concetti, codici, significazioni e rappresentazioni. Karen Barad conduce una contestazione radicale dei dualismi e dell’identità, e incrociando la performatività di Judith Butler mostra come una lettura queer possa migliorare la comprensione di processi tecnoscientifici e sociali intrecciando politicamente natura e vita da prospettive postcapitaliste / postumaniste / postcoloniali. I saggi, qui tradotti per la prima volta, introducono e riconducono al suo Meeting the Universe Halfway (2007) descrivendo una traiettoria complessa e diffratta attraverso molteplici ambiti disciplinari: la filosofia, la fisica, gli studi culturali femministi e queer.


Karen Barad è al contempo filosofa e fisica teorica. Tra le principali esponenti del nuovo materialismo, insegna all’università della California a Santa Cruz, nel famoso dipartimento di Storia della Coscienza. La sua opera principale è Meeting the Universe Halfway(2007).