Ricerca avanzata
Home Le Collane Jura. Temi e problemi del diritto (50) 9788846749468
Libro cartaceo
€ 35,00 € 29,75
Sconto -15 %

All'ombra di Mancini

La disciplina internazionalistica in Italia ai suoi albori

Autore/i: Eloisa Mura

Collana: Jura. Temi e problemi del diritto (50)

Pagine: 408
Formato: cm.17x24
Anno: 2017
ISBN: 9788846749468

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Il volume ricostruisce la formazione della prima scuola internazionalistica italiana tra gli anni dell’Unità, allorché il Diritto internazionale divenne materia obbligatoria nel curriculum delle Facoltà di Giurisprudenza, e l’ultimo scorcio dell’Ottocento, quando cominciò ad affacciarsi l’indirizzo “positivo”. È la storia dell’affermazione, lenta e faticosa, dello specialismo della disciplina – nei suoi attori e nei contenuti – realizzata all’ombra del suo prestigioso nume tutelare: Pasquale Stanislao Mancini.
Il principio di nazionalità, che il giurista irpino enunciò quale perno dell’intera materia, venne effettivamente coniugato dalla sua scuola nelle due branche del diritto internazionale pubblico e privato e costituì il polo di discussione anche per quanti lo contrastarono sostenendone la valenza ideologica e non giuridica (Padelletti, Brusa, Palma e poi Fiore e Vidari). La ricerca illustra i temi dibattuti, gli strumenti messi in campo (manuali, trattati, affreschi storici, prolusioni, contributi sulle riviste) e le dinamiche accademiche che coinvolsero i protagonisti di quella stagione.
Se il centro dell’indagine è l’intensa attività svolta in seno all’Università italiana – si ripercorre in particolare l’esperienza scientifica di tre manciniani di ferro (Esperson, Pierantoni e Carnazza Amari) –, il contesto europeo non è però mai eluso. Nel libro emerge evidente l’intrinseca storicità del diritto e, a maggior ragione, del diritto internazionale.


Eloisa Mura, dottore di ricerca presso l’Università di Messina, assegnista e poi ricercatrice presso l’Università di Sassari, ha pubblicato la monografia Diario di Sardegna del conte Filippo Domenico Beraudo di Pralormo (1730-1734) (Cagliari 2009) ed è autrice di vari saggi sulle istituzioni giuridiche sarde, sulla storia dell’Università e dell’avvocatura, nonché di numerosi profili biografici di giuristi. Ha curato la ristampa delle Notazioni autobiografiche di Emilio Betti (Padova 2014), per la quale ha scritto l’introduzione, ed è stata tra i curatori del Dizionario biografico dei giuristi italiani (XII-XX secolo), diretto da I. Birocchi, E. Cortese, A. Mattone, M.N. Miletti (Bologna 2013). Collabora con l’Istituto dell’Enciclopedia italiana e attualmente lavora all’edizione dei corsi torinesi inediti di Pasquale Stanislao Mancini.