Ricerca avanzata
Home Le Collane Il Portone / poesia (87) 9788846743961
Libro cartaceo
€ 6,00 € 5,10
Sconto -15 %

La Rina

Classe 1910

Autore/i: Carla Baroni

Collana: Il Portone / poesia (87)

Pagine: 32
Formato: cm.14x21
Anno: 2016
ISBN: 9788846743961

Stato: Disponibile
  • Descrizione

«La Rina qui descritta era mia madre»: l’explicit dell’ultima sezione del poemetto di Carla Baroni getta una luce nuova sullo sguardo del lettore, e lo spiazza. L’ultimo verso, distinto dal resto solo dal corsivo, impone una riconsiderazione dell’ottica con cui la lettura è stata guidata per le sei sezioni. Rina e la sua infanzia in un paesaggio di una dorata arcadia. Il lavoro georgico è intorno a lei e per lei («mungon per lei le contadine il latte», Era tempo d’allodole e di merli), ma non la sfiora, nella sua infanzia spensierata, in un’atmosfera senza tempo.

Leila Corsi


Carla Baroni, che in realtà si chiama Carla Baroni Parmiani (la precisazione serve per distinguerla da un’omonima che scrive anch’essa poesie) è nata a Cologna Veneta in provincia di Verona. Ben presto, però, si è trasferita a Ferrara, dove tuttora vive e dove ha compiuto gli studi che si sono conclusi con due lauree, una in Scienze matematiche e l’altra in Giurisprudenza. Ha insegnato matematica in diverse scuole secondarie.

Ha iniziato a scrivere poesie a tredici anni, spronata in ciò dalla madre Rina Buroni lei pure poetessa, ma solo da qualche anno partecipa attivamente ai concorsi letterari ricevendo molteplici riconoscimenti sia per l’edito che per l’inedito tra cui, più volte, il primo premio al “Pietro Niccolini” che consacra i letterati ferraresi. Anche la rubrica di Rai Radio 3 Fahrenheit ha affermato che «La sensibilissima poetessa Carla Baroni è fra i tre migliori scrittori di Ferrara». Presente in diverse antologie, ha scritto saggi, libretti d’opera e un’opera teatrale in versi e collabora a riviste letterarie.

Ha pubblicato tredici raccolte di poesia quasi tutte monotematiche su consiglio di Giuliano Manacorda che era amico di famiglia e precisamente: Lo zufolo del Dio silvano (Sovera, Roma 2002), Mi giudichi sol Dio e mi perdoni (Schifanoia, Ferrara 2003), Variate Iterazioni (Bastogi, Foggia 2006), Origami di stoffa (Bastogi, Foggia 2007), Spazi della memoria (Bastogi, Foggia 2009), Il treno corre (Edizioni ETS, Pisa 2010), L’osteria del Cavallo (Bastogi, Foggia 2010), Rose di luce (Bastogi, Foggia 2011), Canti d’amore per San Valentino (Panda, Padova 2012), Versi d’ottobre (Edizioni Confronto, Fondi 2012), Nel firmamento acceso delle stelle (Edizioni Kolibris, Ferrara 2013), Ed ora in forma antica vo rimando (Edizioni Kolibris, Ferrara 2014), Il segreto di Dafne (Blu di Prussia Editrice, Piacenza 2015). Un quattordicesimo libro è dedicato all’infanzia: La bottega delle filastrocche (Festina lente edizioni, Ferrara 2014).