Ricerca avanzata
Home Le Collane Biblioteca dei volgarizzamenti - testi (5) 9788846741394
Libro cartaceo
€ 45,00 € 38,25
Sconto -15 %

Lo livero de l’abbecho

Vol. I. Introduzione e testo critico


A cura di: Andrea Bocchi

Collana: Biblioteca dei volgarizzamenti - testi (5)

Pagine: 532
Formato: cm.17x24
Anno: 2017
ISBN: 9788846741394

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Il Livero de l’abbecho e il Primo amastramento de l’arte de la geometria, conservati nel manoscritto 2404 della Biblioteca Riccardiana, sono in buona parte un volgarizzamento dell’opera di Fibonacci, il Liber abaci (1226), redatto in volgare perugino agli inizi del secolo XIV. Il manoscritto rappresenta in maniera emblematica lo sforzo (e le difficoltà) di tradurre in un linguaggio diffuso non solo le parole ma anche le concezioni e le tecniche presentate nel gran libro di Fibonacci: insomma ritrae la concreta fondazione di una matematica pratica (e dunque volgare) finalizzata in primo luogo alle necessità di gestione e rendicontazione di un’impresa commerciale e finanziaria del Trecento. Di fatto, il testo documenta una fase precocissima della formazione di un linguaggio tecnico sia matematico sia commerciale, rappresentando bene la complessità del volgarizzamento: il confronto con i passi del Liber abaci – trascritti nella seconda fascia di apparato – consente di misurare lo sforzo e anche i rischi dell’operazione, che fonda di fatto un nuovo linguaggio tecnico (destinato a costituire un incalcolabile vantaggio per l’espansione commerciale italiana in aree meno attrezzate) ma al prezzo di radicali semplificazioni e di diffusi errori.
La presente edizione fornisce una analitica introduzione alla complessità dei dati codicologici, paleografici, notazionali e testuali, il testo completo e annotato del Livero e dell’Amastramento e, nel secondo volume, un esame linguistico di questo importante documento.


Andrea Bocchi (1965) ha studiato a Pisa e a Saarbruecken; ha conseguito due diplomi di PhD, uno presso la Scuola Normale Superiore e l’altro presso l’Università di Pisa; ha lavorato come insegnante, bibliotecario e ricercatore; ha curato l’edizione di numerosi testi italiani e nelle varietà dialettali di Marche, Umbria, Toscana, Veneto, Campania ed Emilia, tra Duecento e Ottocento. Insegna all’Università di Udine.