Ricerca avanzata
Home Le Collane Letteratura italiana (28) 9788846740618
Libro cartaceo
€ 27,00 € 22,95
Sconto -15 %

La narrativa tra psicopatologia e paranormale

Da Tarchetti a Pirandello

Autore/i: Federica Adriano

Collana: Letteratura italiana (28)

Pagine: 346
Formato: cm.14x22
Anno: 2014
ISBN: 9788846740618

Stato: Disponibile
  • Descrizione

A partire dalla metà del secolo XIX le nevrosi furono poste in relazione con i fattori della modernità e del progresso tecnologico, in qualche modo ritenuti responsabili del decadimento dei costumi; e verso la fin de siècle il mondo filosofico-scientifico europeo polarizzò la propria attenzione sui temi dell’inconoscibile e dell’inconscio, che si ponevano come nodi ideali di raccordo con la creazione letteraria. Questo importante volume investiga con rigo­re la complessità dei rapporti intercorrenti tra la narrativa italiana e la cultura scientifica sul disturbo mentale, in quel periodo cruciale della nostra storia politica e culturale che va dal secondo Ottocento al primo trentennio del No­vecento: un’indagine capillare ed originale, condotta su testi scien­tifici coevi (tra cui emergono quelli di Lombroso, Nordau, Ribot e Binet), e che – nel suo situarsi al crocevia di molteplici correnti di pensiero – merita di proporsi come punto di riferimento sostanziale. La sua specificità epistemologica colma una lacuna nel panora­ma degli studi, imperniando il suo campo di analisi su alcuni autori tra Scapigliatura e Decaden­tismo (Tarchetti, Serao e Fogazzaro), ma soprattutto su Capuana, De Roberto, d’Annunzio e Pirandello, secondo un’opzione metodologica che persegue con tensiva pervicacia sia la cernita delle fonti bibliografiche che l’analisi critica del materiale, portando a feconda interazione il mondo della narrativa e della cri­tica letteraria con quello dell’arte, della filosofia, della metapsichica, della medicina e della divulgazione scientifica.

Federica Adriano (Sassari, 1970) insegna Lettere e Latino in un Liceo Scientifico. Si è laureata in Lettere Classiche a Pisa ed ha conseguito il Dottorato di ricerca in italianistica presso l’Università di Sassari, dove collabora come docente a contratto o borsista di ricerca. Ha scritto saggi su Stefano Ticozzi, Scipio Sighele, Francesco Domenico Guerrazzi, Luigi Capuana, Federico De Roberto, Gabriele d’Annunzio, Luigi Pirandello, Alessandro Mari.