Ricerca avanzata
Home Le Collane Clockwork. Gente di cinema (3) 9788846737021
Libro cartaceo
€ 13,00 € 11,05
Sconto -15 %

Il grande incantatore

Il cinema di Terry Gilliam

Autore/i: aa.vv.
A cura di: Gabriele Rizza , Chiara Tognolotti

Collana: Clockwork. Gente di cinema (3)

Pagine: 142, ill.
Formato: cm.14x21
Anno: 2013
ISBN: 9788846737021

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Video
  • Galleria fotografica
  • Link correlati

Regista, sceneggiatore, attore, artista e disegnatore, Terry Gilliam - nato negli Stati Uniti ma divenuto cittadino britannico - ha saputo dare vita a una serie di film visionari che navigano nello spazio e nel tempo, dal Medioevo di Jabberwocky al viaggio metastorico di I banditi del tempo; dal futuro angoscioso e possibile di Brazil al grottesco Settecento di Le avventure del barone di Münchausen; dai bassifondi incandescenti di New York in La leggenda del Re Pescatore alle strade lisergiche di Paura e delirio a Las Vegas; per arrivare all'universo fiabesco e deformato dei Fratelli Grimm e allo spettacolo faustiano del Doctor Parnassus.

I saggi e le letture filmiche di questo libro esplorano il complesso 'pianeta' Gilliam, analizzando attraverso molte chiavi di interpretazione la sua poliedrica immaginazione che non si lascia racchiudere in categorie convenzionali, e soffermandosi anche sulle attività di animatore e di autore di cortometraggi che aggiungono elementi non secondari all’universo di segni e di sogni di questo Rabelais con la macchina da presa.

Con scritti di: Anna Antonini, Edoardo Becattini, Claudio Carabba, Enzo Fileno Carabba, Valentina D’Amico, Federico Ferrone, Marco Luceri, Luigi Nepi, Gabriele Rizza, Giovanni M. Rossi, Edoardo Semmola, Chiara Tognolotti, Marco Vanelli, Riccardo Ventrella, Franco Vigni.

Gabriele Rizza (1948), giornalista pubblicista, scrive su il manifesto, Il Tirreno e altre riviste e periodici. Ha collaborato con il cineclub Spazio Uno di Firenze, con i festival France Cinéma e Florence Balkan Express, con la sezione cinema del Maggio Musicale, con le rassegne Visioni Off e Il lavoro si rappresenta. Ha pubblicato vari saggi e interventi critici, in particolare sul rapporto fra cinema e opera lirica.

Chiara Tognolotti (1972), dottore di ricerca presso l’Università di Firenze, insegna Storia del cinema nella medesima Università. Si occupa tra l’altro di cinema d’animazione, di cinema muto e di cinema francese tra le due guerre. Tra le sue pubblicazioni L’immagine opaca. Il cinema di Max Ophuls (Perugia, 2012) e Idee di cinema (con G. M. Rossi, Roma, 2013).