Ricerca avanzata
Home Le Collane Biblioteca senese. Studi e testi (2) 9788846724908
Libro cartaceo
€ 12,00 € 10,20
Sconto -15 %

Orazioni accademiche

Autore/i: Diomede Borghesi
A cura di: Carlo Caruso

Collana: Biblioteca senese. Studi e testi (2)

Pagine: 128
Formato: cm.14x21
Anno: 2009
ISBN: 9788846724908

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Link correlati

Siena, anni 1588 e 1589: l'ateneo senese, riformato per volere del granduca di Toscana Ferdinando I de' Medici, inserisce nei nuovi programmi un insegnamento di "tosca favella".
E' la prima cattedra universitaria, in Italia e in Europa, dedicata allo studio di una lingua volgare moderna. Istituita su richiesta degli studenti tedeschi, viene affidata a un ex-fuoruscito senese, Diomede Borghesi (1539-1598), già amico del Tasso e gentiluomo di camera del granduca. Per volere di Ferdinando l'insegnamento sarà di lingua toscana: dunque né fiorentina né senese. Il granduca mira così a consolidare, anche sotto il profilo linguistico, il potere mediceo nel granducato. Dal canto suo Borghesi, autorevole grammatico, promuove dalla cattedra una lingua fondata sull'uso scritto di autori "approvati", riprendendo e radicalizzando posizioni e censure di illustri suoi predecessori, dal Bembo al Castelvetro al Salviati.

I testi delle quattro orazioni accademiche che qui si pubblicano vennero redatti e fatti stampare da Borghesi per circostanze speciali: la prolusione al primo corso tenuto alla Sapienza di Siena (1589); le due prolusioni, lette in San Domenico, per l'avvio degli anni accademici 1590-91 e 1592-93; l'orazione in lode "della poesia e dell'eloquenza", tenuta in occasione della visita senese del duca di Bracciano Virginio Orsini (1596). Lo stile, solenne ed elaboratissimo, illustra assai bene il gusto arcaizzante dell'autore, nonché l'ambizione sua di trasferire in ambito volgare i modi e i toni dell'oratoria latina tardocinquecentesca.
I testi sono accompagnati da un'introduzione, dalle note di commento e da una breve appendice sui postillati borghesiani.

Carlo Caruso (Genova 1960) insegna Letteratura Italiana all'Università di Durham (UK). Si occupa principalmente di letteratura del tardo Rinascimento e del Barocco, di poesia per musica nel Settecento e del rapporto fra letteratura e arti figurative. Recentemente ha curato (con Andrew Laird) il volume miscellaneo Italy and the Classical Tradition. Language, Thought and Poetry 1300-1600, Londra, Duckworth, 2009.