Ricerca avanzata
Home Le Collane MOD La modernita' letteraria (7) 978-884672119-8
Libro cartaceo
€ 20,00 € 15,00
Sconto -25 %

Memoria e Giustizia

Le Cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani

Autore/i: Piero Pieri

Collana: MOD La modernita' letteraria (7)

Pagine: 270
Formato: cm.17x24
Anno: 2008
ISBN: 978-884672119-8

Stato: Disponibile
  • Descrizione
  • Link correlati

in occasione del Convegno annuale della Società Italiana per lo Studio della Modernità Letteraria (22-24 giugno 2017), ETS rinnova la consueta offerta


sconto del 25% su tutti i volumi MOD acquistati online fino al 31 agosto 2017


Quale misteriosa nube simbolica cela personaggi, episodi o frasi evocative di sotterranee verità, impenetrabili se non procedendo a pazienti analisi variantistiche? Che cosa ha voluto nascondere Bassani quando ha distribuito le parti e ha animato comportamenti non sempre linearmente comprensibili? Quanti segreti custodiscono i racconti, c'è forse un Bassani segreto? Quale rapporto corre fra le storie ferraresi e l'antifascista legato al Partito d'Azione, partito nelle cui file lo scrittore militò scampando la morte in quella notte del '43? Le Cinque storie ferraresi sono un esempio di narrazione in parte ispirato dai principi democratici del Partito d'Azione e dallo storicismo liberale di Benedetto Croce e, allo stesso tempo, i rapporti interni tra i racconti mostrano come Bassani abbia creato anche sorprendenti analogie con autori e opere appartenenti alla tradizione degli ideali risorgimentali. Lo scrittore formatosi sul programma liberalsocialista di Carlo Rosselli documenta le nuove ritualità politiche del dopoguerra ancora echeggianti quelle del morto regime, i trasformismi post-bellici dei ceti abbienti, l'intreccio perverso fra vecchia politica e nuovi opportunismi. E' il canovaccio di una società in fuga da ogni assunzione di responsabilità verso l'ingloriosa connivenza con la Repubblica sociale. Le Storie moltiplicano ad un tempo la passione severa del testimone, che alle tentazioni post-belliche dell'oblio oppone il suo inflessibile concetto di memoria e di giustizia, il codice notturno del narratore dal linguaggio sovente misterioso, la rivolta del discriminato e le speranze deluse del partigiano: l'essenza di questi racconti è il dramma.