Ricerca avanzata
Home Le Collane Filosofia (86) 978-884671555-5
Libro cartaceo
€ 18,00 € 15,30
Sconto -15 %
Pensiero, parola, scrittura.
Filosofia e forme della rappresentazione

Pensiero, parola, scrittura

Filosofia e forme della rappresentazione

Autore/i: aa.vv.
A cura di: Enrico Moriconi , Stefano Perfetti

Collana: Filosofia (86)

Pagine: 248
Formato: cm.14x22
Anno: 2007
ISBN: 978-884671555-5

Stato: Disponibile
  • Descrizione

Che cos'è una rappresentazione? Tutti i grandi classici si sono interrogati sul rapporto tra pensiero e mondo, sul rapporto tra attività e passività, tra il cogliere un dato nella sua inalterata purezza e l'intervento della soggettività. Nella filosofia del Novecento è entrato in crisi il paradigma rappresentazionalista. I più famosi critici di tale posizione sono Wittgenstein, Heidegger, Ryle e Rorty. Ma già Husserl denunciava la mancata distinzione tra atto, contenuto e oggetto della rappresentazione, e con questa ciò che Sartre chiamò poco più tardi l'illusione di immanenza, per cui presumiamo di aver accesso alle cose nelle copie che serbiamo nella coscienza, immagini che trattiamo alla stregua di reificazioni inerziali di contenuti sensibili.
Sembra tuttavia che una funzione di isolamento di un contenuto dalla particolarità del suo primo presentarsi debba essere salvaguardata. Ovviamente non si può continuare a concepire ingenuamente la rappresentazione come il risultato di una modificazione che subiamo passivamente o come se fosse una immagine o una copia delle nostre esperienze.
Della relazione di somiglianza la rappresentazione e l'immagine non conservano né la simmetricità né l'aspetto materiale. Esse piuttosto valgono come un rapporto, tutto da motivare, tra concetto e intuizione, tra piano delle intenzioni e piano segnico, sensibile, che serva a rimandare, appunto, a quello. (dalla Prefazione di A. Ferrarin)
Con saggi di: Alfredo Ferrarin, Remo Bodei, Maurizio Ferraris, Alfonso M. Iacono, Aldo Giorgio Gargani, Gennar Luigi Linguiti, Mauro Mariani, Pasquale Porro, Anna Minerbi Belgrado, Giovanni Paoletti, Massimo Barale, Filippo Mignini